Riconoscimenti alla carriera 2019

Premio letterario LE GHIANDE

Il Premio Le Ghiande, ideato da Tiziano Fratus, nasce dalla volontà di creare una biblioteca di nuove opere e voci che irrobustiscano e innovino i linguaggi e il pensiero ambientalista, in quell’innesto naturale fra prosa e poesia, documentario e finzione, scienza ed invenzione, che caratterizza la scrittura dei nostri tempi.


Assegnato a

Il Premio Le Ghiande di CinemAmbiente, giunto alla sua quinta edizione, nasce dal desiderio di creare una biblioteca di voci le cui opere siano caratterizzate da un profondo ascolto emozionale e percettivo della natura, elemento integrante di un percorso di vita e di scrittura indissolubilmente legati. Nel perseguire tale obiettivo, dopo l’assegnazione del Premio a Tiziano Fratus e a Davide Sapienza (2015), a Wu Ming 2 / Giovanni Cattabriga (2016), Matteo Righetto (2017), Paola Loreto e Chicca Gagliardo (2018) quest’anno il riconoscimento va al poeta ticinese Fabio Pusterla.

Tra le voci più apprezzate della poesia contemporanea di lingua italiana, Fabio Pusterla è anche saggista e traduttore, attività, quest’ultima, per la quale ha ricevuto nel 2008 il Premio Achille Marazza per la Traduzione letteraria. Ma il suo impegno artistico si muove anche nella valorizzazione della cultura, come testimoniano la collaborazione con il Festival Internazionale di Letteratura Chiasso Letteraria e la direzione della collana poetica Le Ali per l’editore milanese Marcos y Marcos. La poesia di Pusterla è un inno alla scoperta di ogni minima traccia del paesaggio, laddove la storia naturale incrocia la storia delle attività e dell’abitare umano, in quella regione dei laghi sospesa fra Lombardia e Canton Ticino, o come suggerisce il critico Roberto Galaverni, «calata in questo bacino di acque spazzate dal vento, di foreste e di ghiacci». Opere quali Concessione all’invernoBockstenLe cose senza storiaFolla sommersaCorpo stellareCenere, o terra, o l’antologia einaudiana Le terre emerse, imbastiscono i capitoli di una riflessione che traccia la fine del mondo attuale e prefigura gli scenari, placidi, naturali, selvatici, di un nuovo Pianeta che ci attende, rinascita di una antichità a suo modo eterna e ciclica.

Iscrizione film

23° Festival

CINEMAMBIENTE

29 Maggio - 03 Giugno 2020
TORINO

Iscrizione concorso

 

CINEMAMBIENTE

 
JUNIOR

Newsletter