La realizzazione di Tabù si deve alla riconciliazione di Flaherty con Thalberg, il manager della Paramount. Il regista ottenne l'incarico di scrivere un soggetto ambientato, come già per Moana, nei mari del Sud. Flaherty sviluppò l'idea di un film sugli indigeni e sui conflitti nati dalle superstizioni e dallle antiche leggi.La Paramount, temendo che la mano di Flaherty avrebbe privilegiato un taglio documentaristico e non uno emotivo, propose al regista di farsi affiancare nella realizzazione del progetto. Fù così che Flaherty scelse Murnau, appena giunto negli Stati Uniti dalla Germania, condizionata ormai dal Nazismo nascente. La presenza di Murnau diede al film quel taglio emotivo che la Paramount voleva. Lo sguardo neutro di Flaherty, si concentra sull'ambiente e sulle reazioni dei personaggi, scontrandosi però con la visione del cinema di Murnau. Proprio per questo, il regista tedesco porterà a termine l'opera da solo a causa per le insormontabili differenze con Flaherty che abbandonò Bora-Bora. La storia del film diventò "un intrigo sentimentale", come disse lo stesso Murnau, quella di una coppia di giovani che si desiderano, anche se la ragazza è consacrata tabù (intoccabile) da un sacerdote appartenente alla casta degli anziani. Nonostante la fuga iniziale, i due si trovano coinvolti in varie peripezie e si imbattono nell'avverso destino, tanto che nel finale la donna sarà costretta a tornare sull'isola, mentre il giovane troverà la morte proprio dalle mani del sacerdote. La struttura del racconto è indubbiamente di matrice flahertiana; basti pensare a come vengono messi in scena i luoghi della vicenda, all'interesse per le tradizioni del popolo, allo sguardo sulla natura incontaminata. Murnau, invece, dà calore al film, concentrandosi sui personaggi, sui loro scontri, sulle esitazioni e i conflitti interiori. Nel complesso Tabù risulta un'interessante operazione a quattro mani, in cui non è sempre facile, e tantomeno indispensabile, stabilire chi ne sia stato l'autore principale, anche se, nel 1949, a Georges Sadoul Flaherty dichiarò: "Fù  Murnau".

Iscrizione film

23° Festival

CINEMAMBIENTE

29 Maggio - 03 Giugno 2020
TORINO

Iscrizione concorso

 

CINEMAMBIENTE

 
JUNIOR

Newsletter