Nanook of the North

Nanuk l'esquimese
di Robert J. Flaherty Fiction Usa, Francia 1922 75'

Con lo scopo di testimoniare in modo immediato e sincero l'esistenza di un gruppo umano, Flaherty passò molto tempo insieme al clan protagonista delle vicende di Nanook, come del resto accadde in tutte le fasi di preparazione dei film successivi. Grazie a questa pratica, il regista trasforma la realtà in stile cinematografico: le immagini sono i segni di oggetti veri, testimoniano che il mondo esiste, non ci sono trucchi visivi, paesaggi inventati o attori trasformati; tutto è segno di un'esistenza tangibile. Nanuk è il nome vero di un uomo che vive tra i ghiacci: forte, sano, che lotta per la sopravvivenza insieme al suo gruppo. La narrazione, "esile", come verrà sempre definita dal regista per tutti i suoi film, si concentra su Nanook e  sulla sua vita quotidianaNel film non c'è niente di folklorico; l'esistenza del protagonistaè l'esistenza tipica di tutta una popolazione. Tuttavia, la volontà di Flaherty di registrare le vicende di questi uomini, si distanzia dal reportage di un cinegiornale dell'epoca, non solo per la profondità dello stile, ma, soprattutto, per la continua selezione degli avvenimenti e degli elementi caratterizzanti l'intero gruppo umano. Certo, a volte l'intento didascalico del regista rivela ancora le preoccupazione dell'onesto reporter, ma ciò non toglie che siamo di fronte al primo exploit cinematografico di Flaherty.Una volta ultimato, il film fu presentato al cinema Capitol di New York, alla fine del 1922. La reazione del pubblico fu decisamente neutra, mentre qualche critico espresse giudizi negativi, salvo ripensarci dopo qualche settimana. Nanook fu invece acclamato in Europa; a Londra tenne il cartellone per sei mesi e riscosse grande successo anche a Parigi, Roma e Berlino.

Nazione:

Usa, Francia

Iscrizione film

23° Festival

CINEMAMBIENTE

29 Maggio -
TORINO

Le iscrizioni sono attualmente chiuse

Iscrizione concorso

 

CINEMAMBIENTE

 
JUNIOR

Newsletter