The Biggest Little Farm

La fattoria dei nostri sogni
di John Chester Documentario USA 2018 91'

Il film racconta l’incredibile storia vera di John e Molly Chester, coppia in fuga dalla città per realizzare il sogno di una vita, quello di costruire dal nulla un’enorme fattoria seguendo i criteri della coltivazione biologica e di una completa sostenibilità ambientale. Tra mille difficoltà, momenti esaltanti e cocenti delusioni, i due protagonisti impareranno a comprendere i ritmi più profondi della natura, fino a riuscire nella loro formidabile impresa. Oggi Apricot Lane, questo il nome della fattoria, si estende per oltre 200 acri e raccoglie circa 850 animali e 75 varietà di coltivazioni biodinamiche.


Regista:

John Chester

Nazione:

USA

Descrizione

Note di regia

«La straordinaria complessità del nostro ecosistema presenta infinite possibilità di collaborazione. Abbiamo l’opportunità preziosa di lavorare al fianco di un processo biologico perfetto che dura da milioni di anni».

 

Spunti di riflessione didattica

Un vero sogno quello di John e Molly: dare vita a una grande fattoria biologica alle porte di Los Angeles, dove le monocolture intensive hanno preso il sopravvento, impoverendo il suolo e mettendo a rischio la biodiversità. Girato nell’arco di otto anni, il film ci mostra come i protagonisti provino a “cavalcare” il potere della natura, accogliendone gli imprevisti e le meraviglie. E tra fallimenti e piccole grandi vittorie, cadute e ripartenze, riusciranno a creare un luogo che dimostra come sia ancora possibile ristabilire un’armonia tra uomo e ambiente.

Il documentario suggerisce l’approfondimento di molti temi importanti: il bisogno di riconnettersi con la natura mediante uno scopo specifico; l’incentivare la biodiversità attraverso un'agricoltura immune alle epidemie di parassiti e di malattie senza l’utilizzo dei pesticidi; abbracciare il fallimento come possibilità di nuove scoperte; la percezione di una fattoria come ecosistema; le differenze tra agricoltura rigenerativa, agricoltura convenzionale e agricoltura biologica.

La fattoria dei nostri sogni manda un messaggio ecologista più efficace di tanti trattati catastrofisti. Nel corso della loro avventura, John e Molly imparano a diventare più consapevoli del loro ruolo nell’ambiente che li circonda, sostituendo al controllo e alla sottomissione della natura, l’osservazione e la creatività, cercando di gestire la "disarmonia sostenibile" invece che aggrapparsi ad un idealismo senza compromessi.

 

Domande stimolo

  1. Cosa significa per te essere connessi alla natura?
  2. Quali sono i problemi ambientali correlati all’agricoltura?
  3. L’esperienza di Molly e John viene presentata come una possibilità di collaborazione con la natura. Come puoi collaborare con la natura nella tua vita quotidiana?
  4. In che modo le tue scelte riguardo al cibo influenzano l'ambiente e la tua salute?
  5. C'è un posto per la fauna selvatica in una fattoria? Come possono animali e piante selvatiche aiutare o danneggiare le fattorie?
  6. Quali idee e soluzioni che provengono dalla fattoria dei Chester potrebbero essere d’aiuto in altre situazioni o in altri settori?

 

Iscrizione film

24° Festival

CINEMAMBIENTE

01 Ottobre - 06 Ottobre 2021
TORINO

Iscrizione concorso

 

CINEMAMBIENTE

 
JUNIOR

Newsletter