Chasse: main basse sur la savane

Caccia: le mani sulla savana

Quando si è scoperto che re Juan Carlos ha pagato circa sessantamila dollari per uccidere un elefante in Botswana si è rischiata una grave crisi diplomatica, mentre l'uccisione del leone Cecil ha scatenato nel 2015 violente reazioni in tutto il mondo. A scapito dell'indignazione globale sono però centinaia gli occidentali che ogni anno si recano in Sudafrica per partecipare a battute di caccia grossa, in quella che è una vera e propria branca dell'industria turistica con le sue tariffe: quindicimila euro per sparare a un leone, ottantamila per un rinoceronte. Un paese in cui l'ottanta per cento degli animali selvaggi vive su suolo privato e viene allevato proprio per essere cacciato.

Newsletter