Bellissima

by Luchino Visconti Fiction Italia 1951 113'

Maddalena Cecconi sogna che Maria, la figlia ai suoi occhi bellissima, faccia carriera nel cinema e diventi una stella. Quando il regista Blasetti indice un provino alla ricerca di una bimba che dovrebbe recitare in un suo film, Maddalena e la figlia si presentano. Per inseguire questo sogno tutto suo, la mamma, determinata e insieme illusa, è disposta a qualsiasi cosa, anche a mettere in crisi il proprio matrimonio o a consegnare i pochi risparmi a un imbroglione che si è offerto di aiutarla, impersonato da Walter Chiari che le fa credere di essere un aiutante del regista. L'incontro con il mondo dello spettacolo e le sue leggi spietate, alla fine costringerà Maddalena a cambiare idea, malgrado il successo sia a portata di mano. Bellissima è un film crudele e al tempo stesso grottesco sul cinema e sulle false speranze che è capace di raccogliere. Le figure che vi appaiono, sono piene di luci e ombre, di contraddizioni. Visconti, infatti, allontanandosi in qualche modo dal neorealismo, ci mostra come certi sogni popolari siano costretti a scontrarsi con una realtà la cui feroce crudezza non viene compresa. Il film resta un'opera fondamentale del cinema italiano, presagio di un mutamento di cui si avvertivano solo deboli segnali, mutamento che troverà nel boom economico degli anni'60 terreno fertile e in Pier Paolo Pasolini il suo cantore.

Film submission

23° Festival

CINEMAMBIENTE

29 May - 03 June 2020
TORINO

Competition registration

 

CINEMAMBIENTE

 
JUNIOR

Newsletter