Kon Ichikawa


Nato nel 1915 in Giappone, Kon Ichikawa si formò, inizialmente, nel cinema d'animazione, per esordire nella regia con commedie sofisticate girate nello stile del regista americano Frank Capra. Con questi prodotti sofisticati come 365 notti (1948), La donna che toccava le gambe (1953) e soprattutto Il signor Pu (1953) ottenne un notevole successo di pubblico. Fin dagli esordi dimostrà, comunque, la sua spiccata versalità, la facilità narrativa combinata a una ironica verve, il suo eclettismo nella scelta dei soggetti, la sua capacità di realizzarli mantenendo un linguaggio e uno stile originale e distintivo. In Occidente fu scoperto nella seconda metà degli anni cinquanta grazie ai suoi film antimilitaristi che ritraevano il dramma della guerra in affreschi carichi di tensione, cupi ed angosciosi come L'arpa birmana (1956) e Fuochi nella pianura (1959). Passioni potenti e ossessive furono al centro della sua produzione degli anni cinquanta e sessanta: la sciagura della guerra e il cannibalismo; la rivolta violenta e distruttiva in Conflagrazione (1958), l'ossessione erotica in La chiave (1959), l'agononismo in Le Olimpiadi di Tokio (1965). Tra le opere degli anni sessanta sono da ricordare Il fratello minore ovvero Tenera e folle adolescenza (1960), Ho due anni (1962), La vendetta di Yukinojo, Solo sull'Oceano Pacifico (1964). Numerosa e varia la sua produzione degli anni settanta con il western storico Gli errabondi, con Io sono un gatto (1975), Tra le mogli e le donne e La famiglia Inugami (1976), La canzone per giocare a palla del diavolo e L'isola degli orrori (1977), L'ape regina (1978), L'uccello di fuoco , La casa dell'impiccato di Byon zaka (1979) e Neve sottile (1983).

Film submission

24° Festival

CINEMAMBIENTE

01 October - 06 October 2021
TORINO

Subscriptions are now closed

Competition registration

 

CINEMAMBIENTE

 
JUNIOR

Subscriptions are now closed

Newsletter