Carlo Ludovico Bragaglia


Nato nel 1894 a Frosinone, Carlo Ludovico Bragaglia compie i suoi primi studi insieme al fratello Arturo presso un istituto di suore. Nel 1905 con tutta la famiglia si trasferisce a Roma. Qui, insieme ad Arturo, frequenta il Ginnasio Terenzio Mamiani, incontrando non poche difficoltà. Il fratello Anton Giulio, pur frequentando il liceo, comincia a dedicarsi al giornalismo, corredando i suoi articoli di fotografie realizzate da Arturo e Carlo Ludovico. Presi i primi contatti con l'ambiente artistico romano, Anton Giulio si lega con interesse al Futurismo fino a coinvolgere i fratelli nella realizzazione della"Fotodinamica ". Nel 1913, a seguito dello scoppio della Prima Guerra Mondiale, Carlo Ludovico ed Arturo vengono chiamati alle armi. Nel 1915 Carlo viene gravemente ferito da una granata, tanto da meritare una medaglia al valore e due croci di guerra. Rientrato in famiglia nel 1917, Carlo abbandona gli studi di giurisprudenza iniziati prima della guerra e, affascinato dall'ambiente artistico romano, si associa al fratello Anton Giulio nella creazione della "Casa d'Arte Bragaglia". Sempre col fratello fonderà nel 1922 il"Teatro degli Indipendenti ". Il progetto artistico resiste fino al 1931: gli attori sono dilettanti, i testi sono scritti da letterati e si promuove il teatro straniero, sia classico che moderno. Esordisce dietro la macchina da presa nel 1932 con O la borsa o la vita, e si specializza subito in un genere di film comico avventuroso. Collabora anche con il "Principe della risata" Totò, con il quale gira, tra gli altri, Animali pazzi (1939), e dieci anni dopo Totò le Mokò. Tra la sua prima regia e l'ultima, del 1963 ( I quattro moschettieri, con Aldo Fabrizi, Peppino De Filippo, Nino Taranto, Erminio Macario), vi sono sessanta film in cui Bragaglia ha lasciato la testimonianza del suo ottimo mestiere e soprattutto del suo entusiasmo per il cinema. Abbandonata l'attività cinematografica nel 1965, Carlo Ludovico trascorre lunghi periodi nella sua casa a Capri e realizza i volumi"La Casa d'Arte Bragaglia"e "Il Teatro degli Indipendenti ". Riceve dal '65 al '90 diverse medaglie d'oro, nastri d'argento e targhe.

Iscrizione film

23° Festival

CINEMAMBIENTE

29 Maggio -
TORINO

Le iscrizioni sono attualmente chiuse

Iscrizione concorso

 

CINEMAMBIENTE

 
JUNIOR

Newsletter