Investire nell’efficienza energetica e nell’uso di fonti rinnovabili per la fornitura di energia è fondamentale per ridurre le emissioni di gas serra e contribuire alla mitigazione dei cambiamenti climatici. In pari tempo garantisce l’approvvigionamento energetico necessario a una domanda in crescita e influisce positivamente su accessibilità e distribuzione.

La transizione verso uno sviluppo a basse emissioni di carbonio non può avvenire senza un cambio di paradigma nel settore energetico, nelle industrie dipendenti da combustibili fossili e nei settori la cui redditività deriva in gran parte da misure di efficienza (edilizia, costruzione, trasporti, elettricità).

Lo scorso decennio ha visto notevoli progressi nella transizione globale verso le energie rinnovabili, con obiettivi ambiziosi per aumentarne la quota nel mix energetico e ottimizzare la capacità produttiva riducendone i costi, in un numero sempre maggiore di paesi in tutto il mondo. I progressi sono stati più pronunciati laddove il sostegno di una serie di politiche innovative è stato forte e coerente. Secondo la quinta edizione del Rapporto annuale sulle occupazioni nelle energie rinnovabili (Renewable Energy and Jobs) pubblicato dall’Agenzia internazionale per le energie rinnovabili (IRENA), il numero totale di persone impiegate nel settore ha valicato, per la prima volta, la soglia dei 10 milioni.

La questione non è più se le rinnovabili debbano svolgere un ruolo nella fornitura di servizi energetici, ma piuttosto come accelerare il movimento verso una transizione energetica pulita a livello globale e propiziare un rinnovato sviluppo economico e sociale attraverso la creazione di nuovi posti di lavoro. La transizione energetica si fa quindi anche carico di gestire esternalità ambientali legate alla produzione, nel rispetto della disponibilità e qualità delle risorse ambientali.

Il Centro internazionale di formazione dell’ILO, la Regione Piemonte (Direzione Ambiente, Governo e Tutela del territorio), l’Università di Torino e CinemAmbiente organizzano congiuntamente questa Conferenza per discutere le opzioni disponibili per lo sviluppo e l’utilizzo di un sistema energetico a basse emissioni di carbonio, alla luce dei risultati forniti nelle analisi di settore pubblicate da IRENA e ILO negli ultimi mesi.

INTERVENGONO:

Nicolas Maitre e Takaaki Kizu, Organizzazione internazionale del lavoro (ILO)

Rabia Ferroukhi e Micheal Renner, Agenzia internazionale per le energie rinnovabili (IRENA)

Agostino Re Rebaudengo, Asja Ambiente Italia S.p.A

Andrea Zaghi, Elettricità Futura

Cristina Cosacci, Enel Italia

Giuseppe Bergesio, Gruppo IREN

Silvana Dalmazzone, Università di Torino

Roberto Ronco, Direzione Ambiente, Governo e Tutela del territorio, Regione Piemonte

Silvia Riva, Direzione Competitività del Sistema regionale, Regione Piemonte

MODERANO:

Claudia Apostolo, giornalista; Alice Vozza, Centro internazionale di formazione dell’Organizzazione internazionale del lavoro (ITCILO)

Prenotazione obbligatoria:

junior@cinemambiente.it