Cinemambiente in Valchiusella | Il ritorno del lupo | Meugliano – Trausella – Vico Canavese | Venerdì 3 agosto 2018

Il secondo appuntamento, venerdì 3 agosto, interesserà i Comuni di Meugliano – Trausella – Vico Canavese e sarà dedicato a “Il ritorno del lupo”, da oltre una decina di anni animale nuovamente presente nella zona.

L’Associazione Cinemambiente inaugura quest’estate una nuova manifestazione in ambito regionale. Iniziativa culturale che vuole sensibilizzare il pubblico nei confronti dei temi legati alla salvaguardia dell’habitat naturale, Cinemambiente in Valchiusella intende, in parallelo, sottolineare le potenzialità dell’area canavesana che, immersa nel verde di un paesaggio pressoché incontaminato, può ambire a uno sviluppo economico sostenibile e all’ulteriore crescita di un turismo ecologico e responsabile.

Organizzata con la Società Operaia di Mutuo Soccorso di Drusacco e con il Circolo Chiusellavivo di Legambiente, in media partnership con eHabitat.it, la manifestazione contempla una rassegna di film affiancata da incontri, dibattiti, iniziative naturalistiche e gastronomiche, coinvolgendo in successione, dal 2 al 12 agosto, tutti i Comuni della Valle in 8 giornate a tema.

Il secondo appuntamento, venerdì 3 agosto, interesserà i Comuni di Meugliano – Trausella – Vico Canavese e sarà dedicato a “Il ritorno del lupo”, da oltre una decina di anni animale nuovamente presente nella zona.

La giornata inizierà con una passeggiata naturalistica all’Osservatorio Faunistico (alle 10, con partenza dalla piazza di Vico Canavese), cui seguirà, nel pomeriggio, un laboratorio sul lupo (alle 15) riservato ai ragazzi dagli 8 ai 14 anni e curato dalla cooperativa Arnica di Torino.

In serata, la proiezione dello spettacolare film di Jean-Jacques Annaud L’ultimo lupo (alle 21, alla Sala pluriuso del Comune) sarà seguita da un incontro con Vanda Bonardo, responsabile nazionale Alpi per Legambiente e componente del Consiglio direttivo di CIPRA (Commissione internazionale per la protezione delle Alpi) Italia, e con l’etologo Pier Molinario.

Grazie alla ricchissima popolazione di caprioli, la Valchiusella costituisce un habitat ideale per i lupi. Al momento nella zona è segnalata la presenza di due coppie di predatori, cui sono state imputate anche aggressioni a greggi (incustoditi) di capre. Animale mitico, affascinante e divisivo, il lupo è oggi, come spiega Pier Molinario, più che mai oggetto di scontro tra «le opposte fazioni della “gente di montagna”, che ne paventa la ricomparsa nelle zone alpine e vorrebbe ostacolarla in ogni modo, e della “gente di città”, che ha una gran voglia di selvatico e di natura e si unisce ai conservazionisti difendendone il ritorno a ogni costo». In realtà, precisa l’etologo, il compromesso è possibile: l’incontro, infatti, si soffermerà anche su nuove forme di convivenza tra uomini e lupi, «lontane da antichi pregiudizi e basate invece su tecniche innovative già adottate nella vicina Francia, in grado di controllare l’attività dei predatori, abituandoli a certi tipi di prede anziché altre e dissuadendoli da incursioni in pascoli frequentati da animali domestici, in modo da garantirne la sopravvivenza e la salute genetica senza rischi per la popolazione»

Tutte le proiezioni sono a ingresso libero. Tutti gli eventi sono a partecipazione gratuita.

A questo link il programma completo.

Vi aspettiamo!